Napoleone tra scoperte e conquiste

Tempo di lettura: 2 minuti Napoleone Bonaparte, prima nominato comandante in capo dell’armata d’Italia nel 1796, poi comandante dell’esercito francese contro l’Inghilterra nel 1797, proclamato in seguito primo console a vita nel 1802 e imperatore di Francia con la consacrazione di papa Pio VII(1742-1823) nel 1804, viene ricordato da tutti come un grande condottiero e come un abile conquistatore.

Continua a leggere

Cleopatra uccisa da un’aspide? Gli studiosi dicono di no

Tempo di lettura: 3 minuti Una delle figure più rappresentative e note nella storia dell’Antico Egitto è certamente Cleopatra (69 a.C. – 30 a.C.). La regina, al secolo Cleopatra VII Thea Philopatore, fu l’ultimo sovrano del Regno tolemaico d’Egitto, l’ultimo membro della Dinastia tolemaica e l’ultimo regnante dell’età ellenistica che, con la sua morte, avrà per sempre fine.

Continua a leggere
Tratta atlantica Commercio triangolare schiavitù

Il commercio triangolare e la storia della Tratta Atlantica

Tempo di lettura: 6 minuti Tutti noi avremo sentito parlare nella nostra vita scolastica e non, della famosa e tremenda tratta degli schiavi, che coinvolse tra XVI e XIX secolo milioni di africani in un viaggio ai limiti dell’impossibile verso il nuovo mondo, pronti per essere utilizzati come schiavi nelle enormi piantagioni americane, al servizio degli ex coloni inglesi. Ma cosa sappiamo esattamente di questa tratta? Cosa ha a che fare con il commercio triangolare? Fu l’unica ad essere portata avanti nei secoli? E quali testimonianze e storie abbiamo raccolto nell’arco dei secoli? Ecco un breve riassunto!

Continua a leggere

Burke: l’intellettuale antirivoluzionario

Tempo di lettura: 2 minuti Edmund Burke (1729-1797) politico, scrittore e filosofo britannico, di origine irlandese, è considerato il precursore della “letteratura controrivoluzionaria”. Per Burke parlare di rivoluzione era parlare di anarchia; secondo il filosofo, infatti, solo una necessità estrema poteva giustificare la scelta di quest’ultima. Per necessità estrema egli intendeva parte di quell’ordine dell’universo al quale l’uomo, volente o nolente, doveva sottostare. Burke viene ricordato per essere stato fortemente contrario alla rivoluzione francese; egli giudicò i rivoltosi di quell’epoca violenti, privi di pudore e manipolatori.

Continua a leggere