Le scuole sumere: le prime dell’umanità

Tempo di lettura: 4 minuti La scuola, chi l’apprezza, chi la detesta, chi la detesta ma infine si ricrede e la rimpiange. Fondamentale, dispensatrice di informazioni necessarie per poter vivere con dignità in questo mondo, uno dei più grandi doveri, ma soprattutto, uno dei più grandi diritti dell’umanità.
Tempo di lettura: 4 minuti

La scuola, chi l’apprezza, chi la detesta, chi la detesta ma infine si ricrede e la rimpiange. Fondamentale, dispensatrice di informazioni necessarie per poter vivere con dignità in questo mondo, uno dei più grandi doveri, ma soprattutto, uno dei più grandi diritti dell’umanità.

Forse non ve lo aspetterete, ma la scuola è più anziana di quel che potete immaginare. Infatti, attorno al III millennio a.C. comparvero le prime scuole dell’umanità, chiamate dai Sumeri, “Edubba” (o Eduba), cioè case delle tavolette. Inizialmente l’istruzione era naturalmente associata con il “sacerdozio”, quindi, lo scopo di tali scuole era sostanzialmente quello di fornire scribi capaci di gestire l’amministrazione di Tempio e Palazzo. Con il tempo però, la situazione mutò, in quanto si formarono scuole al di fuori dei templi e l’insegnamento prese a sua volta un carattere più laico.

Tutto molto bello ma c’è sempre la fregatura! Infatti, non c’è da meravigliarsi se coloro che frequentavano le scuole erano solo e soltanto figli di ricche famiglie, di cui quasi la totalità maschi. Dalle numerose tavolette ritrovate, sappiamo che l’insegnamento era soltanto di tipo pratico: imparare la grammatica a memoria e la complessa pratica della scrittura. Gli scolari dovevano quindi ricopiare lunghissime liste di nomi di animali, piante, pietre e chi più ne ha, più ne metta. Più in là nel tempo, attorno alla seconda metà del III milllenio a.C. venne messo in pratica un ulteriore piano di insegnamento oltre a quello sopracitato.  Tale piano era più letterario e creativo e consisteva nel copiare, imitare e pure creare, testi letterari che riguardavano quasi sempre miti e racconti epici.

Foto di Nonsolostoria.it

Detto ciò, è fondamentale sottolineare che le scuole sumere erano molto, ma molto pesanti: si era obbligati a studiare dall’alba al tramonto, dalla prima infanzia all’adolescenza. Le punizioni erano rigorosamente corporali, nulla di sorprendente se pensiamo che i nonni di noi ragazzi, quando frequentavano la scuola erano ancora soggetti a tali punizioni, nonostante rispetto all’epoca sumera ce n’è passata di acqua sotto i ponti, come si usa dire.

Qui sotto, si riporta proprio una testimonianza, ritrovata su una tavoletta, di com’era dura la giornata di uno scolaro.

Quando mi alzavo presto la mattina,
mi volgevo a mia madre e le dicevo:
“Dammi la colazione, devo andare a scuola!”
Mia madre mi dava due focacce e io uscivo;
mia madre mi dava due focacce e io andavo a scuola.
A scuola l’incaricato della puntualità diceva:
“Perché sei in ritardo?”
Io ero impaurito e il cuore mi batteva,
entravo davanti al mio maestro e facevo l’inchino.
Il mio direttore leggeva la mia tavoletta, diceva:
“Ci manca qualcosa”, mi bastonava.
L’incaricato del silenzio diceva:
“Perché parlavi senza permesso?”, mi bastonava.
L’incaricato della condotta diceva:
“Perché ti sei alzato senza permesso?”, mi bastonava.
L’incaricato della frusta diceva:
“Perché hai preso questo senza permesso?”, mi bastonava.
L’incaricato di sumerico diceva:
“Perché non hai parlato sumerico?”, mi bastonava.
Il mio maestro diceva:
“La tua mano non è buona”, mi bastonava.

Oggi, la scuola è piena di difetti, mancanze e programmazione superficiale ma quando ci si lamenta di essa, è utile fare un bel tuffo nel passato, non per forza un passato così antico come quello dei sumeri, basta solo analizzare com’era l’istituzione scolastica una cinquantina di anni fa, per capire quanto si è fortunati oggi ad avere un metodo di istruzione progredito e moderno. Presto o tardi, la scuola subirà un’ulteriore evoluzione, sperando che essa possa renderla migliore di quella che è oggi.

Al fine di giungere alle conclusioni dell’articolo, il nostro lavoro è stato raccogliere una quantità di dati rilevanti da alcuni dei più importanti studi a riguardo, facilmente consultabili da chiunque online e distribuiti da grandi rivenditori specializzati sul tema. Ti consigliamo in particolare alcune letture interessanti e documentazioni specifiche sull’argomento in questione, che sicuramente chiariranno ogni tuo dubbio, essendo frutto di ricerche accurate e del lavoro di studiosi importanti in questo settore. I sumeri di Giovanni Pettinato, è sicuramente il testo che più di tutti riuscirà a chiarire ogni tuo dubbio sull’argomento.

Per approfondire ulteriormente il tema, ti lasciamo decidere tra due dei più diffusi e allo stesso tempo specifici saggi storici sull’argomento. In primis L’oriente antico. Dai Sumeri alla Bibbia, , in cui potrai comprendere come si viveva e si moriva a quei tempi; cosa mangiavano e bevevano quei popoli antichi; come consideravano l’amore; come trattavano le donne; come fronteggiavano le noie, i mali e i dolori dell’esistenza; che senso davano alla vita e alla morte; che ruolo avevano gli dei nei loro affari e nei loro problemi; e fino a che punto hanno influenzato i nostri antenati più prossimi, ovvero gli autori della Bibbia e i Greci?

Successivamente, potresti consultare anche La lingua dei Sumeri , in cui è presente una variegata e ricca raccolta di testi commentati, scelti tra quelli più significativi in tutti i settori della tradizione sumerica. Il volume permette al lettore di toccare con mano la realtà da cui la descrizione grammaticale prese le sue mosse, ripercorrendo altresì le vie attraverso cui i Sumeri e la loro lingua sono stati riscoperti nella cultura europea del XIX secolo da parte di filologi appassionati, e il clima culturale in cui questa scoperta ha avuto luogo.

Siamo certi che, una volta consultati questi testi specifici, non avrai più alcun dubbio sulla complessa questione della nascita della scuola antica e della cultura dei Sumeri!

Abbiamo risolto il tuo dubbio? Ti senti soddisfatto delle nostre risposte? Allora comunicacelo tramite un commento oppure lasciando un “Mi Piace” alle nostre pagine social, su Facebook e Instagram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.