Tempo di lettura: 2 minuti

Liotard (1702-1789), artista svizzero, attivo nel XVIII secolo, nato da genitori francesi, serba un ruolo importante nell’ambito della ritrattistica di stampo realistico. L’imprinting è dell’acquafortista e acquisisce il senso del “particulare” attraverso l’insegnamento di un miniaturista.

La sua carriera è caratterizzata dalla permanenza a Costantinopoli in sede di ambasciate, entourage di ricchi mercanti, alla corte del sultano. L’afflato esotico tipico degli interni settecenteschi accoglie il senso del reale nelle sue opere che sembrano predire romanzi di naturalismo francese o a carattere verista. L’atmosfera è silente, i colori pastello patinati, le espressioni “di genere”, mai stereotipate come nella ritrattistica abituale. La quotidianità, e al medesimo tempo, l’estrosità di un senso dell’eccesso.

Dal pudore altezzoso della cioccolatiera al vezzo impunito di una bimba allo specchio che sembra preludere Balthus, dalla goffa malizia di Mme d’Epinay all’indolenza neoclassica della donna vestita alla turca, Liotard descrive un piccolo universo intimo.

Il suo intento è un tributo alle venature sanguigne dell’umano, non elude il perfettibile, lo sublima. Vuole inserire la dialettica umana del quotidiano nello spirito bizzarro in voga all’epoca e dare testimonianza dei usi e costumi ottomani. Un monito che focalizza il dato reale, contemplando con dovizia ogni particolare. Questa abilità lo fa entrare nei favori di Maria Teresa d’Austria che desidera essere immortalata dall’artista e avere ritratti della sua nutrita prole. Una pittura ufficiale, d’effigie e allo stesso tempo un’imago del mutamento dei gusti europei.

La fase finale della sua esistenza è dominata da una “reductio ad originem”, poiché influenzato dall’imprinting calvinista si immerge nella rappresentazione di nature morte. La sua estrosità viene ricondotta alla disciplina dal suo animo ginevrino che lo riconduce a una certa abnegazione e sobrietà.

La sua espressività viene mitigata in merito a una pittura controllata, quasi scolastica, dove il tratto diventa determinante nel suo essere marcato. Il senso del vago decantato dal suo stilema si spegne flebile per lasciare il posto al senso “del finito”.

Di: Costanza Marana

Fonti:
L’opera completa di Liotard, Renee Loche e Marcel Roethlisberger, Rizzoli, Milano, 1978;
Jean-Etienne Liotard, Giovanni Previtali, Fabbri, Milano, 1966

                                                                                  

Le due guerre che hanno sconvolto il mondo

Di Costanza Marana

Nata a Roma, di origini fiorentine, laureata con il vecchio ordinamento in scienze politiche, indirizzo storico, con una tesi sulle aspettative di ruolo: l’homo sociologicus di Ralph Dahrendorf. Ho lavorato alla gestione bibliografica in una biblioteca e per passione ho conseguito un altro titolo studio in storia: una laurea specialistica in storia medievale e moderna. La tesi verteva sullo studio e ricerca di carteggi della metà del 600 appartenuti alla duchessa Giovanna Frangipane della Tolfa Orsini. Ricostruire la vita di questa donna e la documentazione riguardante suo figlio, divenuto poi papa Benedetto XIII, è stata una esperienza meravigliosa conclusasi con la pubblicazione di una miscellanea sull’ argomento. Appassionata di storia medievale moderna contemporanea, di storia dell’arte, di storia della musica e di letteratura ho una vera e propria fede nel potere delle parole, come declama Fedra a Ippolito nell’Epistula di Ovidio. Fede e volontà nello scrivere e riportare l’originalità e la peculiarità della storiografia e dell’iconografia. Campo di studi: Storia dell’arte, Storia della musica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *