La Coca-Cola nella Seconda Guerra Mondiale

Coca cola gratis
Tempo di lettura: 6 minuti Può la bibita più famosa al mondo aver condizionato il più grande conflitto mondiale di sempre? La risposta, stranamente, è sì...
Tempo di lettura: 6 minuti

Quando gli Stati Uniti entrarono a far parte delle coalizioni coinvolte nella seconda Guerra Mondiale, precisamente il 7 dicembre del 1941, tra i molti provvedimenti che il governo di Roosevelt prese in quel momento ce ne fu uno molto particolare, che si ricollega al titolo dell’articolo: donare bottigliette di Coca-Cola al suo esercito. Ma perché? E quale risultato ebbe tale “politica bellica”?

Gli stratagemmi americani in guerra

Come già anticipato, il governo statunitense all’epoca presieduto dallo storico presidente Franklin Delano Roosevelt ebbe un’idea alquanto particolare per sostenere le truppe in Europa e tenere loro alto il morale. Il gabinetto di governo iniziò a pensare ad una serie di stratagemmi per migliorare morale e integrità del proprio esercito in un continente lontano, facendo loro capire l’importanza del conflitto e allo stesso tempo dimostrando loro che il proprio governo continuava a sostenerli a distanza, anche e soprattutto con dei piccoli gesti. Fu così che venne presto proposta l’idea di considerare lo zucchero come materiale effettivamente utile ad uno sforzo bellico molto grande come quello che appunto avrebbero dovuto affrontare ben presto i soldati nel continente europeo. Razionare lo zucchero per l’uso civile era l’unica soluzione per far sì che gran parte della sua produzione venisse poi distribuita anche ai soldati in guerra. Questo espediente in realtà era già stato utilizzato durante la prima guerra mondiale, ma in minima parte.

Da: https://coffeeordie.com

Tuttavia non fu facile per il governo e le aziende nazionali fornire un quantitativo così grande di zucchero lavorato, facilmente conservabile e allo stesso tempo invitante da assumere. Fu così che si pensò di coinvolgere le due più grandi aziende americane che lavoravano e utilizzavano lo zucchero per la creazione di bevande alimentari molto diffuse tra la popolazione e ben accette da tutti: stiamo parlando di Coca-Cola e Pepsi Cola, nate rispettivamente ad Atlanta nel 1892 e in Nord Carolina nel 1893.

Queste due aziende, seppur grandi e ben diffuse su tutto il territorio americano, necessitavano continuamente di dolcificante per preparare le proprie bevande da distribuire, ora non soltanto più sul mercato nazionale ma anche a tutti i soldati coinvolti nel conflitto in Europa. Fu così che ben presto, prima della messa a punto del piano di governo per i soldati, entrambe ebbero molta difficoltà a produrre quantitativi ottimali per il rifornimento delle truppe. Per ovviare al problema, fu proprio l’industria della Coca-Cola che in primis riuscì a convincere l’amministrazione degli Stati Uniti dell’importanza del piano di rifornimento dello zucchero, al fine anche dell’aumento delle prestazioni sportive/belliche, oltre che per il morale delle truppe al fronte. Roosevelt doveva fare qualcosa per mettere in atto il piano che il suo governo aveva varato: le industrie avevano dato la loro disponibilità a collaborare, ma per realizzarlo doveva sostenerle maggiormente, fornendo loro più materie prime.

L’idea di marketing della Coca-Cola

Il progetto dunque non si spense e, dopo una serie di problematiche iniziali la Coca-Cola per prima concluse con il governo un contratto di fornitura delle proprie bibite per tutte le forze armate americane coinvolte nel conflitto mondiale, il quale gli permise di poter usufruire illimitatamente di tutto lo zucchero necessario per la produzione anche di quelle messe normalmente in vendita negli scaffali dei supermercati, senza che nessuno ci facesse realmente caso. Inoltre, alcuni impiegati della Coca-Cola tra i più preparati, furono anche inviati nel vecchio continente sotto forma di “ufficiali tecnici” contribuendo all’installazione di numerosi impianti di imbottigliamento in diverse località d’oltremare.

Da: http://www.nww2m.com/2011/08/coca-cola-the-pause-that-refreshed-2/

La strategia della grande multinazionale era chiara: non soltanto sfruttare i benefici statali per vendere sempre più bottiglie, ma anche porre le basi di una sua futura espansione soprattutto dopo il conflitto armato, facendo sì di sbaragliare un eventuale concorrenza futura. Tutti avrebbero avuto a che fare con il marchio “Coca-Cola”, a partire dai soldati, fino ai civili nel periodo della ricostruzione!

La reazione sulle truppe

Ben presto, in migliaia di lettere inviate a casa dai militari in guerra espressero un enorme stupore e soddisfazione per la distribuzione ad un prezzo praticamente regalato di Coca-Cola (c’è chi ci parla di pochi franchi e chi dice di averla ricevuta gratis con il proprio pasto), segno che il piano stava dando i suoi frutti sul morale. Ecco, ad esempio, una lettera proveniente dalla collezione d’archivio del Museo Nazionale della Seconda Guerra Mondiale che mette bene in luce l’effetto della bevanda zuccherata sul morale di un anonimo militare:

“Dear Folks, You’ll never guess what I had to drink this evening. Not whiskey, not gin, not Calvados, not beer, but good old fashioned “Coca-Cola” in the bottle that’s made to fit the hand. Just a few moments before we left our staging area to board the boat Dick and I bought two Cokes, and drank them to the next time we’d be drinking bottled Cokes, believing that that would be in the USA. But not so! As part of our PX ration this week each man received two Cokes for which he paid four francs, and although some people may debate whether rye or bourbon are America’s national drinks, when I saw the excitement caused by a case of Cokes and the remarks about the corner drugstore, I did not think the national drink was quite that strong!”

(Cari ragazzi, non indovinerete mai cosa ho dovuto bere questa sera. Non whisky, non gin, non Calvados, non birra, ma la buona “Coca-Cola” vecchio stile nella bottiglia che è fatta per adattarsi alla tua mano. Pochi istanti prima di lasciare la nostra area di sosta per imbarcarci, Dick ed io abbiamo comprato due Coca-Cola, e le abbiamo bevute fino alla prossima volta che avremmo bevuto Coca-Cola in bottiglia, credendo che sarebbe stato negli USA. Ma non è così! Come parte della nostra razione PX questa settimana ogni uomo ha ricevuto due Cokes per le quali ha pagato quattro franchi, e anche se alcune persone possono discutere se il rye o il bourbon siano le bevande nazionali dell’America, quando ho visto l’eccitazione causata da una cassa di Cokes e le osservazioni sul drugstore all’angolo, non pensavo che la bevanda nazionale fosse così forte!”

Da: http://www.nww2m.com/2011/08/coca-cola-the-pause-that-refreshed-2/

Dalla distribuzione alle pubblicità “soft”

In effetti, le pubblicità della Coca-Cola durante la guerra affrontavano i temi più delicati del conflitto. Piuttosto che mostrare soldati stanchi a causa della guerra che si godono la loro bottiglia, la compagnia si concentrò sulla capacità della Coca-Cola di unire persone e nazioni, come si vede nelle pubblicità che ritraggono i soldati che si mescolano e ridono con inglesi, polacchi, sovietici e altri alleati (dall’Alaska e dalle Hawaii al Brasile e alla Cina), sempre con una didascalia del tipo: “Have a ‘Coke’ – un modo per dire che siamo con voi”. La Coca-Cola Company approfittò anche del suo consolidato slogan “La pausa che rinfresca” applicandolo ai lavoratori del fronte interno, spesso donne, incoraggiate a prendersi una pausa dalla costruzione di aerei e navi con la famosa bevanda zuccherata. L’idea dietro le pubblicità, supportata da un progetto di ricerca scientifica completato nel 1941 dai dirigenti della Coca-Cola, era che i lavoratori del fronte interno e i soldati avrebbero lavorato in modo più efficiente se avessero avuto un momento di pausa per rinfrescarsi con una Coca-Cola. Una pubblicità dell’epoca infatti recita: “Gli uomini lavorano meglio rinfrescati… Una nazione in guerra attua uno sforzo produttivo con un nuovo ritmo… In tempi come questi la Coca-Cola sta facendo un lavoro necessario per tutti i lavoratori”.

Mentre la Coca-Cola Company era impegnata a risollevare il morale delle forze combattenti americane, stavano contemporaneamente gettando le basi per diventare un simbolo internazionale di ristoro e solidarietà. Molti degli impianti di imbottigliamento stabiliti all’estero durante la guerra hanno continuato a funzionare come fabbriche dopo la sua fine. Inoltre, i militari che piano piano liberavano le città di tutta Europa o lavoravano fianco a fianco con la gente del posto si sono sentiti orgogliosi di condividere la loro bevanda preferita con i loro nuovi amici, creando così un’enorme base di consumatori in tutto il mondo che non sarebbe stata possibile senza la cooperazione dello stesso generale Eisenhower in Europa e della stessa Coca-Cola Company nel lavorare per migliorare il morale del combattente americano.

Da: http://www.nww2m.com/2011/08/coca-cola-the-pause-that-refreshed-2/

Con una mossa brillante e allo stesso tempo lungimirante, quella che oggi può essere giustamente considerata come una delle più grandi multinazionali al mondo riuscirà ad imporsi come industria leader nel secondo dopoguerra. Si calcola che durante la seconda Guerra Mondiale furono consumate dai soldati americani circa 10 miliardi di bottigliette di Coca-Cola, alcune delle quali possono ancora essere ritrovate in diversi siti bellici dedicati alla Seconda Guerra Mondiale. E chissà che non sia anche della bevanda zuccherata più famosa al mondo il merito della vittoria delle forze alleate sulle forze nazi-fasciste… Una cosa però è certa: grazie a questa brillante mossa di marketing, tutti dopo il 1945 avrebbero conosciuto ed apprezzato il marchio Coca-Cola nel mondo!

Fonti:

http://www.nww2m.com/2011/08/coca-cola-the-pause-that-refreshed-2/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.